infoViaggio|viaggiare ai tempi di internet

Cracovia a Primavera

polonia-stemma_1Già da qualche anno, con l’arrivo della primavera, ci concediamo un week end in una città europea. Quest’anno la scelta della meta, complice il Regista, è caduta su Cracovia.
Il viaggio, organizzato in gennaio, abbordabile sotto il profilo economico, prevedeva partenza da Bologna con volo low cost il sabato di buon mattino e permanenza nella città fino al martedì con pernottamento e prima colazione in albergo tre stelle.

Cracovia

Quindi, dopo aver constatato alla partenza che Ryanair è sempre rigida, ma più cordiale, ci trovavamo già a metà mattinata in giro per la città, dopo aver lasciato i bagagli in hotel.
Hotel non di lusso ma pulitissimo, con personale estremamente cordiale, bagni nuovi e prima colazione ottima ed abbondante e situato nel quartiere Kazimierz, pieno di ristoranti, pub, locali di ogni genere e con una intensa vita notturna giovanile. Inutile dire che abbiamo cenato sempre nella zona, ottimamente, degustando specialità polacche, spendendo dai 9 ai 12 euro a persona.

Abbiamo trascorso i nostri tre giorni a Cracovia in questo modo. Nel pomeriggio del giorno dell’arrivo, visita della piazza centrale della città, dei locali dell’antica università, e dei monumenti del centro storico. Nella mattinata successiva visita completa del castello di Wawel dove si può ammirare il dipinto “La Dama con l’ermellino” di Leonardo da Vinci.

Nel pomeriggio, dopo un pranzo veloce, trasferimento a Wieliczka per una visita di circa tre ore alle miniere di sale, assolutamente da non perdere.
La mattina successiva ci siamo diretti ad Oswiecim per visitare Auschwitz e Birchenau, al ritorno cena in pub e passeggiata notturna nel centro storico.
Martedì mattina visita conclusiva della città, shopping, ultime foto e come sempre, dopo un bel viaggio, partenza per l’aeroporto con il magone.

Cracovia-due

Alcuni consigli: il trasferimento da e per l’aeroporto e preferibile farlo con il bus, impiega un po’ più di tempo ma costa meno e se avete acquistato la tourist card è gratuito, lo stesso vale per il bus per Wieliczka.

Oswiecim si raggiunge con il bus di linea, andata e ritorno sette euro a persona ed impiega circa novanta minuti. Il giro dei campi con visita guidata obbligatoria in lingua italiana inizia, in questo periodo, alle 12,00 e termina alle 15,30 circa, quindi è consigliabile trovarsi ad Auschwitz almeno un’ora prima. Il giro libero si può fare prima delle 10,00 o dopo le 15,00.

Il costo della vita è abbastanza basso, salvo per i biglietti dei musei che si allineano allo standard europeo.
In tutte le attività commerciali, musei, stazioni, bar e ristoranti si parla la lingua inglese.
Buon viaggio.

stefano pelletti & co (Montecosaro group)

Cracovia-Montecosaro-group